Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


31 dicembre 2009

BUON ANNO

Agli architetti auguro di sentirsi un po’ meno Architetti e di ricordarsi che siamo solo professionisti e non profeti.

Agli urbanisti auguro di sentirsi un po’ più Urbanisti e di ricordarsi che il loro compito è disegnare città nella loro unità e non dormitori, zone industriali, centri storici, verdi pubblici, zone direzionali e commerciali. Auguro loro di ricordarsi anche che nelle città ci abitano i cittadini e che l’urbs è importante ma l’urbs senza civitas è un cimitero.

Ai bio-architetti auguro di ricordarsi che il futuro è nel passato.

Ai professori di Storia dell’architettura auguro di insegnare le diverse verità e non la loro verità.

Ai professori di Composizione auguro di insegnare la progettazione e non la creatività e la fantasia, cioè niente.

Ai professori in genere auguro di insegnare, e basta.

Ai membri di giuria di concorso auguro di essere giudicati con la loro stessa competenza e rettitudine.

Agli architetti delle Regioni…..è meglio non dica cosa ho in testa per non fare peccato di parola, oltre che di pensiero.

Ai miei conterranei toscani auguro di avere una nuova e migliore legge urbanistica (ci vuole poco) che si ispiri al motto evangelico “il sabato è fatto per l’uomo, non l’uomo per il sabato”.

A tutti coloro che scrivono leggi auguro di ricordarsi che “il sabato è fatto per l’uomo, non l’uomo per il sabato”.

Ai miei concittadini aretini auguro un futuro migliore del presente (e anche qui ci vuole poco).

Alle archistar auguro un 2010, e oltre, di giusto riposo e meditazione (a Camaldoli e La Verna, troveranno silenzio, accoglienza e indulgenza).

A chi legge il blog ed è d’accordo con me auguro di non pentirsi.

A chi legge il blog e non è d’accordo con me auguro di pentirsi.

A chi ha lasciato commenti auguro, nel 2010, risposte più intelligenti.

A tutti gli amici auguro un 2010 di serenità.

A tutti i nemici …. non sono così importante da averne ma se per caso ce ne fosse qualcuno auguro di passare nella categoria di sopra.

A qualcuno da Hong Kong che da trenta giorni almeno viene immancabilmente a farmi visita, auguro di trovare qualcosa di meglio da fare. Grazie, comunque.

A Ciro, Nikos, Stefano B., Stefano S., Stefano S. (non c’è errore), Ettore Maria, Wittfrida, Giannozzo, Isabella, Paolo, Milena, Pietro P. (non sono io), Guido, Vilma, Sabrina, Enrico D, Enrico B., Angelo, Andrea, Sergio P., Giulio, Leonardo, Michael M., Marco R., Rodolfo, Domenico, Giorgio M., Gabriele, Camillo, Emanuele e a tutti coloro di cui mi sono dimenticato per colpa della mia scarsa memoria e non della mia cattiveria auguro un 2010 che sia come ognuno di loro si aspetta che debba essere.


Buon Anno
Pietro

9 commenti:

Anonimo ha detto...

" ...... piccola porta della speranza, nuovo giorno dell'anno, sebbene tu sia uguale agli altri come i pani a ogni altro pane, ci prepariamo a viverti in altro modo."

E' la chiusa di una bella poesia di Pablo Neruda, un po' di speranza ci vuole proprio!

Auguri anche a te
Vilma

Pietro Pagliardini ha detto...

Ti ringrazio per i bei versi di speranza. Mi spiace che per un mio errore nella formattazione del testo non si vedano i link presenti in alcuni nomi dei nomi presenti.

Auguri ancora
Piero

ettore maria ha detto...

Caro Pietro,

tantissimi auguri per un 2010 che ripecchi le aspettative e gli auguri che hai elencato ... e grazie per il lavoro che svolgi con il tuo blog.

Ettore Maria Mazzola

Anonimo ha detto...

Fra le cose che mi aspetto per il 2010, c'è il riconoscimento delle doti aristocratiche di Pietro, che meriterebbero un Principe capace di apprezzarle, per dare vita ad un nuovo Rinascimento, aretino ed italiano.
Auguri!
Ciro

Anonimo ha detto...

sinceri auguri di buon anno anche a te, Pietro!

Pietro P. (l'altro)

ritorno alla città ha detto...

Caro Pietro,
ricambio di cuore gli auguri.

Angelo Gueli

P.S. per adesso non ho nessuna intenzione di pentirmi!

La Capanna in Paradiso ha detto...

Tanti auguri a Pietro e a tutti i lettori del "DE ARCHITECTURA". Tanto per rimanere in tema di urbanistica e archistar segnalo un'articolo che può interessare
http://www.sarzanachebotta.org/2010/01/la-cecla-vs-botta/
a presto
Enrico Bardellini

Pietro Pagliardini ha detto...

Grazie Enrico per la bella segnalazione. L'Avvenire, con Leonardo Servadio, offre sempre ottimi spunti di riflessione.
Non c'è bisogno di chiedere la copia al parroco, come c'è scritto nell'articolo, si può cercarlo sull'Avvenire on line. E' un pò faticoso ma ci si può fare.
Il tema della partecipazione dei cittadini alle scelte urbanistiche è di grandissimo interesse e attualità. Non mi piace affatto l'idea del co-housing o almeno non mi sembra generalizzabile, perché mi ricorda l'utopismo dell'ottocento e mi puzza di ideologia da secolo scorso: chi vuole fare il co-housing lo faccia pure, ci mancherebbe altro, ma teorizzarlo proprio no. Però mi diverte la provocazione dei campi di riabilitazione per gli architetti. Grande trovata davvero.
Ciao
Pietro

Salvatore D'Agostino ha detto...

Pietro,
manca il mio nome ma ti perdono (ispirato dall’amore infuso ultimamente dal mio papi)
Ti sei dimenticato degli imprenditori senza scrupoli.
Dei geometri ‘artisti’.
Degli ingegneri dei calcoli e del mq.
Degli architetti che s’ispirano al passato utilizzando gli ordini architettonici come lego.
Degli architetti alla moda che imitano i BIG senza senso critico.
Dei caporali del lavoro che reclutano i muratori (spesso immigrati) al nero.
Dei presunti critici che sanno dire solo ‘archistar’.
Del partito dell’amor proprio.
Da parte mia ti auguro post meno militanti che evitino i luoghi comuni. (populisti).
Buon 2010,
Salvatore D’Agostino

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione