Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


1 dicembre 2008

APPROPRIARSI DEI LUOGHI

Pietro Pagliardini

Un post di tutto riposo, nel senso che non ho scritto niente ma mi limito a riportare una piccola, ma significativa, parte del libro “La città bella”, di Pier Luigi Cervellati, Il Mulino, 1991.

“La conoscenza del luogo per il quale viene elaborato un progetto…..è considerata una premessa pleonastica, addirittura una bolsa raccomandazione da polveroso Bignami della progettazione. La realtà è assai diversa perché non sono i luoghi, la loro storia, la loro conformazione geo-morfologica, ad essere studiati, ma al contrario sono gli stessi progetti, suddivisi per categorie, che vengono (quando vengono) analizzati. La realizzazione di una scuola, ad esempio, prescinde dai caratteri storici e formali del luogo a cui è destinata, per adattarsi al tipo (numero di aule, categoria di appartenenza) di costruzione richiesta.
Omissis
Nelle scuole di architettura non si insegna più a misurare…….Per misurare l’altezza di un edificio o di un albero si allungava il braccio e si traguardava con una matita la dimensione di una persona. Il segmento di matita così individuato, corrispondente a circa 170-175 cm, diventava unità di misura. Si riportava sull’edificio o sull’albero e se ne otteneva l’altezza. Era un’operazione che richiedeva un esercizio quotidiano, finchè la misura non finiva per diventare “proporzione”, modulo su cui attestare la realtà circostante.
Omissis
Anche i nostri maestri legavano il tempo allo spazio. La percorrenza a piedi di un chilometro , ad andatura regolare, richiede circa 15 minuti ed è anche questa un’unità di misura importante per sapere subito distanze e rapporti urbani e territoriali.
Omissis
Nella città storica si tendeva alla misura reale, a portata di mano, di occhio e di piede - e si considerava tutto ciò che serviva ad attrezzare lo spazio come casa comune. La città, sembra ovvio ribadirlo, era il luogo di una comunità vivente, “la cui caratteristica fondamentale era il riconoscimento reciproco” (P.Toesca).
Omissis
Non solo scartiamo la ricerca storica, come anche il rilievo e la misura del tempo e dello spazio, ma giustifichiamo la loro assenza dai nostri diretti interessi considerandola elemento di modernità. La modernità è espressa sempre dal caso e dalla casa illustrati nell’ultima rivista o nell’ultima pubblicazione patinata.Omissis
Progetto fine a se stesso è anche quello che scaturisce dai concorsi che hanno per oggetto l’assetto urbano e/o territoriale. Se gli ordini professionali tutelassero la professione, dovrebbero opporsi a questi concorsi.
Omissis
I concorsi d’idee sull’assetto territoriale sono una beffa. Servono ad inquinare i risultati e ad impedire che le soluzioni corrette scaturiscano dall’unica fonte possibile: quella della ricerca (anche storica) su ciò che caratterizza il luogo specifico che si vuole trasformare.

Anche in questo senso il passato assume una dimensione progettuale di inusitato (e poco sperimentato) valore e significato. Questo passato diventa la componente fondamentale dell’assetto futuro, a patto che sia considerato come elemento invariabile del territorio e dell’aggregato urbano oggetto della pianificazione e della progettazione. Considerato cioè come elemento permanente e condizionante di qualsiasi scelta”.



Niente da aggiungere, se non qualche link su Pier Luigi Cervellati.
http://www.exibart.tv/inc/video_alta.php?id_news=6138
http://www.architettiroma.it/archweb/notizie/10148.aspx
http://www.estovest.net/letture/cervellati.html
http://www.italianostra.org/notizie/materiali/mat4.html
http://lists.peacelink.it/economia/2006/04/msg00012.html


6 commenti:

Salvatore D'Agostino ha detto...

Pietro,
mi hai ricordato che possiedo questo libro. Purtroppo non ho trovato la scheda di lettura ma dai solchi di matita lasciati è un libro controverso attento alle speculazioni ma ostile al moderno. Programmo una rilettura e ripasso.
Saluti,
Salvatore D'Agostino

Pietro Pagliardini ha detto...

Salvatore, definire Cervellati "ostile al moderno" è riduttivo. E' sicuramente ostile alle scempiaggini e alle distruzioni perpetrate nel nostro tempo.
Cervellati è un ecologista duro e puro ma non ideologico; ma soprattutto è innamorato della bella architettura e dei nostri centri storici e, la parte migliore del libro è quella finale, in cui sostiene, con grande disinvoltura, che questi siano conservati e trattati come veri e propri musei, con il doppio scopo di tramandarli ai posteri così come ci sono stati lasciati, accolgano funzioni compatibili, diventino il punto di partenza per la crescita di tutta la città. Qualcosa può disturbare di Cervellati, per la sua intransigenza, ma è rara una mente lucida, coerente e logica come la sua e il libro andrebbe letto tutto, dall'inizio alla fine per apprezzarlo appieno.

Saluti
Pietro

Master ha detto...

Considero Cervellati un grande urbanista e ho apprezzato diversi suoi interventi sulle distruzioni del territorio che spesso vengono eseguite in sordina ma che non sfuggono a quell'attento osservatore che è Pierluigi Cervellati. Anche se non sono d'accordo sulla sua opposizione ai concorsi urbanistici che come tutti i concorsi sono una grande espressione di democrazia. La ricerca storica e culturale sul luogo in cui si dovrà intervenire è importante ma chi decide chi dovrà farla e su quali canoni si dovrà basare? Il concorso rimane a mio avviso il miglior strumento anche perchè apporta soluzioni innovative che storicamente sono state quelle che hanno prodotto l'evoluzione urbanistica delle nostre città.

Se posso vorrei anche consigliare un bellissimo libro di Mario Botta e dello psicologo Paolo Crepet, "Dove abitano le emozioni", che parla delle città come luoghi deputati alla vita sociale e al ritrovamento delle emozioni umane, puntando il dito contro tutti quegli interventi speculativi che inducono a snaturare i luoghi della vita comune. Un libro illuminante che ogni architetto dovrebbe leggere.

Pietro Pagliardini ha detto...

Master, vorrei risponderti sui concorsi ma, se non ti dispiacelo farò in un commento al post precedente, che è proprio sui concorsi, rispondendo ad un amico che finalmente è venuto a visitarmi. Scusami, ma dire due volte le stesse cose non mi sembra il caso. No prenderla come una mancnza di rispetto ma ...ad un amico non posso non rispondere.
Grazie per il consiglio sul libro però ti dico che sono molto dubbioso non tanto per Botta quanto per Crepet. Quando l'ho visto alla televisione ho notato che è bello, suadente, fascinoso ma...... la psicologia non è il mio genere, anche se credo che lui sia psichiatra, che è tutt'altro genere. Comunque lo metterò in elenco.

Saluti
Piero

Master ha detto...

Scusa l'errore, Paolo Crepet non è psicologo ma sociologo, oltre che psichiatra, e proprio in questa veste di esperto delle dinamiche sociali che ha partecipato alla stesura del libro citato.
Credo che gli urbanisti di oggi potrebbero trarre grande beneficio dall'analisi sociologica dei luoghi su cui intervengono, anche per capire le necessità di una società in continua evoluzione.

Pietro Pagliardini ha detto...

Master, appena mi sarà possibile farò un post proprio sul rapporto tra sociologia e urbanistica, che è stato proprio l'oggetto del convegno a cui ho partecipato, come spettatore, a Roma, riportando il parere di due degli oratori. Certo, uno può essere in disaccordo però mostra una linea di tendenza che io condivido. Il sociologo che ha aperto i lavori era Bauman, quello della "modenità liquida" di grande successo. Riporterò anche il suo parere in ordine alle relazioni tra sociologia e architettura e urbanistica.
Può anche darsi che già ci sia qualcosa sui giornali, forse sul Messaggero di Roma, o su Repubblica, ancora non ho guardato.
saluti
Pietro

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione