Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


7 settembre 2008

LE BUONE MANIERE URBANISTICHE

Pietro Pagliardini

Su il Foglio di oggi domenica 7 settembre c’è un editoriale con la notizia, e il relativo commento, del parere contrario del Sindaco Alemanno alla costruzione del parcheggio sotto il Pincio.Di seguito riporto integralmente il commento perché parla lo stesso linguaggio ed esprime gli stessi concetti, semplici da comprendere, che in questo blog vengono espressi continuamente ma che, sembra, non siano patrimonio comune:

Non rimane che cominciare a ragionare seriamente su come certe decisioni vadano sottratte alla logica del colpo di genio riformatore e interessato (nell’interesse di pochi a spese di tutti), allegramente indifferente al senso dello spazio pubblico, alla consapevolezza dei legami tra identità della città e luoghi, a quella merce sempre più rara nella gestione dello spazio urbano che si chiama - semplicemente e umilmente- buonsenso. Ecco, la lezione della pazza idea del mancato – speriamo – parcheggio sotto il Pincio con entrata dagli emicicli del Valadier, servirà davvero se sarà trasformata in una lezione di buone maniere urbanistiche, per tecnici, amministratori e politici.”

Meglio di così non poteva essere riassunta una vicenda ma direi un atteggiamento verso la città, con un forte richiamo a tutti i responsabili, compresi i tecnici.

6 commenti:

Salvatore D'Agostino ha detto...

Pietro,
Bla, Bla, Bla... Basta leggere questo disconnesso articolo sulla 'Repubblica' Alemanno, il mio no al Pincio (http://www.repubblica.it/mobile/articolo/alemanno-il-mio-no-a-quel-parcheggio/2008-09-06/1301106)
Per capire che confonde la cattiva gestione con l'idea urbanistica e come capita in queste occasioni ha spostato semplicemente il problema altrove.
Buonsenso? Solo azioni per partito preso.
Capricci politici, beghe di potere, in queste vicende si vede la nostra cronica stupidità ritratta bene nella vecchia 'commedia all'italiana'.
Ahimè Pietro.

Pietro Pagliardini ha detto...

Vabbè, Salvatore, se ti aspetti che un politico oltre che un bravo amministratore (ammesso che Alemanno sia) sia anche un uomo di cultura, attento ai dettagli sei destinato a non credere in niente.
Quello che conta è il risultato. Evidentemente Alemanno ha fiutato l'aria, segno che è un buon politico, ha capito che si stava perpetrando uno scempio e ha deciso.
La democrazia non esprime il meglio in assoluto ma il meglio di quel che c'è. Questo è un principio in cui io credo fermamente.
Saluti
Piero

maurizio zappalà ha detto...

Alemanno pensa che il Pincio sia l'Amazzonia!E' contro l'antropizzazione e la contemporaneità!Quella che qualcuno scambia per "Natura", a suo tempo, ha subito la "naturale" opera dell'uomo!Esatta operazione che ha generato il Colosseo!Certo, lì c'era necessità di "parcheggiare" sangue!Pazienza, niente auto!!!

Pietro Pagliardini ha detto...

Io veramente ho capito che il Pincio è già "antropizzato" ed è antropizzato così bene che Alemanno, e non solo, lo vuole mantenere così.
A meno che non si pensi che tutto è provvisorio, cioè tutto è è demolibile e/o trasformabile!
Nel qual caso, ad esempio, il Colosseo, che non assolve ad alcuna funzione, visto che adesso non ci sono più neanche i gatti, potrebbe accogliere dentro un bel parcheggio multipiano. In fondo non servono neanche le griglie, è già pieno di buchi.
A scanso di equivoci dichiaro di aver voluto fare ironia.
Saluti
Pietro

memmo54 ha detto...

Io. invece, mi preoccuperei, come in fondo è stato, di non proporre "toppe peggiori del buco" !
Cercherei di uscire dalla superficiale affermazione "post hoc, deide propter hoc".
Se veniamo, temporalmente, dopo Valadier non per questo siamo migliori od autorizzati a trasformarne l'opera !
Il mondo, contrariamente a quello che, in fondo, ci farebbe comodo credere non è finalizzato alle nostre fisime e/o necessità immanenti .


Saluto

Saluto

Pietro Pagliardini ha detto...

Purtroppo moltissimi architetti sono pieni di quelle fisime e hanno la "necessità immanente" di essere trascendenti, cioè di esistere indipendentemente dalla realtà terrena e di voler lasciare il proprio imperituro segno.
Non dico che non sia umano sperare di essere ricordati in eterno, ma non tutti i giorni e ad ogni costo.
Saluti
Pietro

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione