Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


5 settembre 2008

ELOGIO DELLA CASALINGA DI VOGHERA

Pietro Pagliardini

Chi sono le “casalinghe di Voghera”, cosa si intende con questa espressione e perché le ho tirate in ballo?
Comincio dalla fine: le ho tirate in ballo perché c’è una persona di cui ho grande stima, Vilma Torselli, che le cita spesso nei commenti e, a forza di sentirle nominare, mi ha suggerito una riflessione un po’ scapigliata.
Wikipedia, che è appunto l’enciclopedia per le casalinghe di Voghera e da cui io attingo spesso, ne dà una definizione esatta:

"Casalinga di Voghera" è un'espressione popolare molto comune nel giornalismo che vuole rappresentare quella fascia della popolazione italiana dal basso livello di istruzione e che possiede un lavoro generalmente molto semplice o umile, tuttavia "rispettabile" per il suo senso pratico di stampo tradizionale. Di rado viene utilizzata in senso dispregiativo, altre volte è usata come sinonimo di saggezza popolare".

Da questa definizione risulta per me evidente che questo è il blog per le casalinghe di Voghera perché l’architettura che viene qui, malamente, sostenuta è proprio quella che, ne sono certo, sarebbe di loro gradimento.
Ho perciò finalmente inquadrato la “mission”, individuato non una platea, non esiste proprio, ma l’obbiettivo a cui io mi devo rivolgere e, inconsapevolmente, a cui mi sono spesso rivolto; o meglio, mi risulta più chiaro che l’ideologia portante di questo blog, il “linguaggio” architettonico di riferimento ha un nome che non è esattamente “antichismo” o “classicismo” ma “buon senso” inteso come sinonimo di “saggezza popolare”.

E’ vero che in questo blog appaiono, di tanto in tanto, post tanto cervellotici da apparire quasi una roba seria, ma è anche vero che questi sono specchietti per le allodole scritti a scopo dimostrativo per quegli architetti che amano i discorsi complicati altrimenti nondiciniente, per dimostrare loro che anche qui sappiamo fare uso di buone maniere che, insomma, sappiamo stare a tavola e, quando strettamente necessario, perfino sbucciare la frutta con coltello e forchetta (ma ci rifacciamo più al vecchio Galateo che a Lina Sotis); sono in fondo un mezzo per trovare un linguaggio che consenta di comunicare con l’architettese, che è spesso l’unico che molti architetti conoscano, essendo l’italiano ormai in disuso.Devo dire che, per quanto io ed altri ci sforziamo, non riusciamo quasi mai ad esprimerci al massimo di quel linguaggio, per cui non ci facciamo capire né dagli architetti architettesi né dalle casalinghe, le quali peraltro non mi vengono a trovare perché hanno poco tempo da perdere.

Sento il bisogno, tuttavia, di tranquillizzare l’amica Vilma: non intendo pascolare nel suo prato.
Voglio chiarire che il rapporto mio rispetto alle casalinghe è completamente ribaltato rispetto a quello che ha Vilma con loro: io più che spiegare alle casalinghe di Voghera, mi immedesimo in, mi metto nei panni di, "mi faccio" casalinga di Voghera, ritenendo presuntuosamente di interpretarne i gusti e le aspettative, per far capire a qualche collega architetto che cosa io, e perciò loro, le casalinghe, mi aspetti dall’architettura; dove a me, e perciò a loro, piacerebbe vivere ed abitare.

Ed è proprio per questo motivo che spesso abbandono ogni freno inibitore e dico delle bestemmie inimmaginabili per molti architetti: dico che Poundbury è un modello di convivenza civile, dico che se demoliranno i Robin Hood Gardens, e meglio ancora il Corviale e lo Zen, non sarò colto da sussulti di sdegno e dormirò tranquillo come sempre, che Londra poteva sopravvivere senza un grattacielo a forma di fallo (detto pudicamente cetriolo), che i grattacieli non sono affatto sostenibili come ci vogliono fare credere, che Dubai è molto peggio di Disneyland perché qui si sogna e ci si diverte, lì si muore di paura a pensare che fine fanno i soldi dei nostri pieni di benzina, che i progetti di Libeskind sono terrorizzanti, nel senso che mettono proprio un senso di paura, di ansia, di angoscia, di provvisorietà e che ti prospettano un presente e un futuro in bilico, che al Principe Carlo dovrebbe essere assegnato un premio Nobel, non so per cosa, ma se lo hanno dato a Dario Fo, per lui ne possono pure inventare un altro, che il Premio Pritzker per l’architettura dovrebbero darlo a Leon Krier per la tenacia con cui ha portato avanti le sue idee, contro tutto e tutti, invece che a Jean Nouvel, che sarà pure bravo ma non può venderci anche lui un grattacielo a forma di fallo per un omaggio a Gaudì, che Calatrava sarà bravo pure lui ma che ci è venuto a noia con i suoi scheletri di dinosauro ripetuti in tutto il mondo e in ogni tipo di edificio, che la sopraelevazione della Scala di Botta è un ferro da stiro messo sopra un tetto e Milano non è Voghera dove ci sono molte casalinghe e dei ferri da stiro ne possono fare a meno, che la chiesa di Meier non è fatta per pregare e non so, in verità, a cosa potrebbe servire, e via discorrendo.

Ora, io lo so che il problema Archistar neanche sfiora lontanamente le nostre amiche casalinghe perché è difficile che esse possano aspirare a vivere in una casa da queste progettate anche perché, fortunatamente, di case non ne fanno tante e quando le fanno non sembrano proprio case e le casalinghe neanche se ne accorgono. In campo edilizio il loro problema è che il più delle volte sono costrette a scegliere tra un ignobile condominio progettato direttamente dall’impresario, una casetta del geometra con quattro archetti in cemento armato faccia a vista e con 5 metri di giardino per lato, che non è un giardino ma per fare una grigliata con i parenti è sufficiente, e una casa a schiera senza tetto e con blocchi di c.l.s. bugnati faccia a vista dell’architetto. Praticamente non hanno scelta.

Ma il vero nemico delle casalinghe di Voghera, che sono abituate ad andare a piedi o in bicicletta in piazza del Duomo dove c’è il mercato attraversando le stradine del centro storico e incontrando amiche e conoscenti, è il progettista di Piani Regolatori. E’ questa figura la vera responsabile, sotto il profilo culturale, della dissoluzione di tutte le città, perché manda le casalinghe a vivere in periferie dove le strade non sono più strade perché non delimitate da cortine edilizie, dato che le case, singole o condominiali che siano, sono rigorosamente staccate di 10 metri le une dalle altre e arretrate rispetto al filo strada, per dare giardinetti inutili o inutili spazi condominiali.

Così le strade sono solo nastri di asfalto, territorio per sole auto, e il tragitto per il centro, privo com’è di negozi, botteghe e possibilità di incontri si declassa al livello di “movimento pendolare” o “mobilità urbana”, cioè uno stress, anche nei momenti fuori delle ore di lavoro.

E’ il progettista del Piano, che disegna la città come gli hanno insegnato all’università, (cioè con il criterio di Le Corbusier che sosteneva che Siena è disegnata con il percorso dell’asino e che ovunque andasse tentava di fare tabula rasa di ciò che trovava e di sostituirlo con i suoi sogni autoritari e allucinati di Ville Radieuse) che stimola e incoraggia, mediante norme edilizie coerenti con quell’idea, quel tipo di edilizia che non è urbana e non è rurale e che fa sembrare belle, alle confuse casalinghe di Voghera, perfino le villette con gli archetti in cemento armato faccia a vista, perché sono pur sempre un richiamo, ingenuo e igorante, alla loro città, a ciò che hanno imparato, anzi, sempre saputo essere l’archetipo di casa.Ecco, alle casalinghe di Voghera do un suggerimento: Alessandria non è molto lontano da Voghera e nella domenicale gita in auto facciano un salto a vedere Città Nuova, il quartiere residenziale progettato da Lèon Krier e Gabriele Tagliaventi; vi troveranno un esempio, uno dei pochi in Italia, che può ridare loro un po’ di speranza.

Se qualcuno leggendo questo post mi desse dell’ignorante sappia che l’offesa la girerò direttamente alle casalinghe di Voghera le quali invece possono vantare concittadini illustri quali: Alberto Arbasino (che sostiene di essere l’inventore dell’espressione “casalinghe di Voghera”), Alessandro Bolchi, regista Tv degli anni d’oro degli sceneggiati e non delle fiction, Pino Calvi, che non è il banchiere ma il musicista, Carolina Invernizio, che è, per me, la vera causa della nascita dell’espressione “casalinghe di Voghera”, Alfieri Maserati, fondatore della Maserati, quella delle macchine, e questo da solo basta a dare quarti di nobiltà alla città e, udite, udite, amici architetti, Eugenio Mollino, padre di Carlo Mollino che non è nato a Voghera ma che insomma vi ha ascendenze (tutte notizie prese dal sito del Comune di Voghera che, evidentemente, voleva sfatare il mito di Voghera città di casalinghe).


N.B. La foto di Voghera è tratta da Google Earth

9 commenti:

Salvatore D'Agostino ha detto...

Pietro,
interessante l'analisi, le città/paesi hanno bisogno di risposte più adeguate per le casalinghe di Voghera (che per trasposizione ingloba tutte le sfaccettature possibili dell'abitare). A tal proposito ti segnalo quest'interessante articolo a firma del sociologo Ilvo Diamanti: http://www.repubblica.it/2008/08/sezioni/politica/diamanti-estranei/diamanti-estranei/diamanti-estranei.html
Estratto: - "Principale fonte di conoscenza del mondo: la televisione. Comunicano con gli altri attraverso i cellulari e - i più competenti - le e-mail. Abituati a relazioni senza empatia, frequentano i centri commerciali, non solo per "consumare" ma per uscire di casa, per incontrare gente. Si tuffano nelle notti bianche, negli eventi di massa. Dove gli altri sono "folla" e restano "altri". Estranei. Questo ci pare il problema principale, oggi. La scomparsa della società, sostituita da un'opinione pubblica pallida. Artificiale. Atomizzata. Non "Opinione", ma "opinioni", raccolte dai sondaggi, rappresentate "dai" e "sui" media. Più che "opinione pubblica": pubblico. Spettatori. Persone senza città. Non-cittadini." -
Credo che risponde alla domanda: Chi è la casalinga di Voghera oggi?
Tralasciando ormai la tua ossessione verso alcuni progetti e progettisti, non condivido la soluzione del problema così unilaterale e schierata.
Credo che ci possono essere alternative anche più interessanti vedi il caso Medellin: http://www.archphoto.it/2008/03/23/emanuele-piccardo_la-citta-dalla-primavera-perenne/
Perché essere così monarchici? Non sai che alle casalinghe rompe.
Saluti
S. D.

Pietro Pagliardini ha detto...

Grazie Salvatore per le segnalazioni, che appena mi sarà possibile andrò a leggere.
Quanto alle mie "ossessioni" ti dico che, se tali appaiono, io la sera mi addormento senza pensare a Krier e non ho altarini nè in studio nè in casa. Le mie "ossessioni" sono molto calcolate e controllate: per farsi capire meglio occorrono dei simboli: ai simboli di Libeskind, Eisenmann e compagnia di giro ne oppongo un altro, per evitare di entrare nel merito di quelle architetture. Guai a mettersi nei panni della controparte. Non mi interessa affatto discutere da architetto di quelle architetture perchè voglio che risulti chiaro che, aldilà dei meriti individuali, che ovviamente ci sono, è il principio, l'ideologia, il culto che c'è dietro che è perverso. Per questo motivo non sto a sottilizzare nemmeno sui "miei" simboli, su cui talora ci sarebbe da discutere.
In questo senso, aldilà dello scherzo, io ragiono davvero come una casalinga di Voghera la quale ha due reazioni possibili rispetto ad un progetto: mi piace/non mi piace, si/no, bello/brutto. Io che non sono un critico, faccio un passettino avanti e cerco di capire perchè una cosa è "sì" e l'altra "no".
Comunque le osservazioni che fai sono interessanti, Diamanti di solito è molto bravo ma io, che non sono nemmeno un sociologo, osservo che la città è un prodotto umano che nasce per favorire lo scambio e i rapporti tra persone, quindi il disegno della città può "favorire" queste relazioni oppure renderele talmente difficili da impedirle del tutto.
Ad oggi l'unico disegno che le favorisce è quello della città storica, naturalmente con gli adattamenti tecnici del caso, che sono assolutamente possibili. Dall'inizio del secolo scorso questo disegno è stato volontariamente abbandonato e i risultati sono evidenti a tutti.
Poundbury non è la soluzione assoluta ma, come esempio realizzato e funzionante, indica che la direzione è giusta e percorribile perchè ha smentito l'assunto che la città contemporanea debba essere necessariamente "non-città".
Poundbury ha messo a nudo il falso mito sociologico che serve a giustificare tutti gli scempi ossibili, che oggi non sia possibile riproporre un disegno urbano che si rifà alla storia: è possibile. Come la mettiamo? Forse è venuto il momento in cui sono i Modernisti a doversi giustificare e non viceversa.
Comunque sbagli senz'altro sulla monarchia: le casalinghe di Voghera non possono non essere attratte dal sangue blù perche le storie di re e regine, principi e principesse sono eterne(vedi Lady D.) e appartengono ai sogni di tutti, a partire dalle favole dei bambini.
Saluti
Pietro

Anonimo ha detto...

Pietro, ti ringrazio per le gentili parole nei miei confronti, ma soprattutto per la prosa del tuo articolo, divertente, leggero e garbatamente ironico, che strappa il sorriso: è la dimostrazione che si può parlare di cose serie ed importanti in modo discorsivo e comprensibile, alla portata di tutti (anche 'delle'...). In realtà nel mio rivolgermi 'alle' non c'è né disprezzo né presa in giro, solo la dovuta valutazione della parte numericamente più considerevole del paese, una sorta di "maggioranza silenziosa" che può anche non parlare, ma che è perfettamente in grado di sentire.
Tra i vogheresi famosi aggiungerei a buon diritto Valentino (Garavani), non c'è casalinga di Voghera che non abbia sognato una volta nella vita di entrare dentro uno dei sontuosi abiti rossi di questo illustre concittadino e, per un fuggente attimo, sentirsi divina.
Ciao
Vilma.

Pietro Pagliardini ha detto...

Accidenti, come ha fatto a sfuggirmi Valentino tra gli illustri di Voghera! In effetti nel sito del Comune è citato solo che il cognome mi era ignoto.
Ti ringrazio per il commento ma la mia leggerezza è proprio naturale, non mi devo sforzare molto. Per questo, forse, fraternizzo con le casalinghe.
Saluti
Piero

Giovanni D'Amico ha detto...

Allora la domanda vera non e' come la ARCHISTAR costruira' il Museo X, o la chiesa Y o lo Stadio Z, ma come costruire in modo economico ed ecosostenibile gli spazi abitativi contemporanei.
Alcuni interrogativi: possiamo pensare di costruire ancora case di pietra? di cemento armato? di legno? da ora in poi dobbiamo solo recuperare i vecchi edifici?
dobbiamo demolire l'edilizia anni 60-70-80? a senso espandere le citta'? ha senso vivere nei condomini? come andrebbero risolti i collegamenti nel territorio?
Occorrebbe stabilire un tetto massimo di case che una persona puo' detenere?
La soluzione non dipende dagli architetti e dagli ingegneri (i supereroi dei tempi moderni), per quanto noi ci battiamo (quelli che lo fanno per passione) al massimo limitiamo il processo inarrestabile di distruzione
della natura, perche' nel mondo prevale solo la logica del profitto, (prima liberale oggi di partito, vedi USA e Cina) dove e' lecito, inquinare l'atmosfera, i mari i fiumi, la terra e costringere le nuove generazioni a vivere in megacondomini.

Pietro Pagliardini ha detto...

Giovanni, vedo che anche tu fai parte del blog ArchitetturaCatania di cui sono affezionato cliente. Nel tuo commento poni un sacco di problemi tutti insieme che, mi pare, possono essere tutti articoli di un capitolo dal nome "sostenibilità", parola bruttissima ma serve a capirsi.
Io confesso di non avere una spiccata sensibilità verso questo tema perchè credo che esso sia inficiato da esagerazioni ideologiche alla Al Gore, per capirsi, quotidianamnete pompate dalle TV perchè è un ottimo riempitivo. Le catastrofi pagano in share, come le malattie di stagione, i "grandi rientri" dalle vacanze, l'inizio dell'anno scolastico, ecc.
Credo invece che dobbiamo (anche per legge) progettare pensando al risparmio energetico ma senza attribuirgli chissà quale vaore salvifico e, soprattutto, non diventando un'altra moda su cui impostare uno stile architettonico. Comunque è accertato che le case più ecologiche e risparmiose sono quelle che hanno una grande massa muraria, cioè quelle tradizionali e non certo i grattacieli o gli edifici costruiti con materiali "contemporanei" e leggeri, cioè il contrario della moda attuale.
Ma a me interessa molto di più l'ecologia che pensa all'uomo e, in questo senso, le nostre periferie sono assolutamente dannose alla salute di chi vi abita. Demolire le costruzioni anni '60? Magari, ma mi sembra un pò difficile pensare di farlo così, in assoluto e per tutte le costruzioni. A me sembra però di intravedere una certa tendenza in questa direzione che però non può essere imposta dall'alto con legge dello Stato ma solo favorita. Su una cosa dissento totalmente: ognuno può possedere quante case vuole: questo è un principio di libertà sacro e inviolabile.
Saluti
Pietro

Salvatore D'Agostino ha detto...

Ben detto Pietro, una buona architettura deve avere implicitamente le caratteristiche 'ecologiche' (ma non quelle di maniera) basta leggere le prime pagine del tuo libro preferito De Architettura.
Certo io non sono così radicale sulla matericità dell'edificio.
A presto.

angelo ha detto...

Buongiorno, mi chiamo Angelo Gueli questa è per me la prima volta in questo post.

L'ordine degli Architetti di Firenze sta' organizzando una manifestazione intitolata OPENARCH che si svolgerà dal 10 al 15 settembre. Una delle giornate sarà in parte dedicata ai viaggi e alle città viste attraverso l'occhio degli architetti. Avendo avuto la fortuna di partecipare ad un convegno organizzato dalla Prince Foundation proprio a e su Poundbury, avrò l'occasione di mostrare e commentare qualche immagine del quartiere più discusso d'Europa (in linea di massima i miei commenti saranno positivi). Se vi trovate nelle vicinanze siete tutti invitati. Per maggiori informazioni sulla manifestazione www.architoscana.org . Comunque nelle prossime settimane sulla rivista degli architetti Toscani OPERE uscirà un mio articolo sempre sullo stesso argomento.
Ciao Angelo

Pietro Pagliardini ha detto...

Grazie ad Angelo per la comunicazione. Nel sito degli architetti di Firenze, con grande fatica, ho trovato il calendario. Mi sembra di aver capito, ma chi è interessato farà meglio a informarsi, che Angelo Gueli dovrebbe presentare Poundbury Giovedì tra le 20,30 e le 22,30. Dove? La chiarezza non è mai stato il punto forte degli architetti: area tra via Corridoni e Via Pisacane, all'aperto.
I volenterosi interessati faranno meglio a chiedere all'Ordine di Firenze.
saluti
Pietro

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione