Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


3 luglio 2008

ANCORA SUI GRATTACIELI "SOSTENIBILI" (3)


Le radici invisibili del grattacielo: Un grattacielo succhia e depreda risorse enormi da una grande area della città, e indebolisce e debilita il tessuto urbano circostante.


Enciclopedia Treccani, definizione di sviluppo sostenibile:

"Strategia di sviluppo tecnologico e industriale che tenga conto, nello sfruttamento delle risorse e nelle tecniche di produzione, delle condizioni e delle compatibilità ambientali".

Le compatibilità ambientali di un grattacielo non sono solo quelle legate ai consumi energetici e, quindi, allo sfruttamento delle risorse naturali, del quale ho già detto nei precedenti post, ma anche e soprattutto quelle legate all’ambiente urbano, che è il luogo di vita dell’uomo.

Le disfunzioni che crea un grattacielo nella città, tanto più un insieme di grattacieli, sono ben studiate e descritte da Nikos Salingaros nella sua teoria sulle reti urbane e da Christopher Alexander nel suo A Pattern Language.

Nikos Salingaros:
Senza una sufficiente densità e varietà di nodi, i percorsi funzionali non possono formarsi e così ci troviamo ad affrontare la segregazione, da una parte, e la concentrazione, dall’altra, delle funzioni che, nel nostro tempo, hanno distrutto la rete urbana. Semplicemente non c’è abbastanza varietà di nodi in ogni regione urbana omogenea tale da riuscire a formare una rete.
Perfino quando esistono queste possibilità, le connessioni vengono normalmente interrotte dalle leggi dello zoning.
Distinti tipi di elementi, come quello residenziale, commerciale e naturale, devono compenetrarsi per catalizzare il processo di connettività.
Le città disfunzionali concentrano nodi dello stesso tipo, mentre quelle funzionali concentrano coppie di nodi contrastanti
”.

I grattacieli sono nodi straordinariamente forti, attrattivi e dello stesso tipo e creano disfunzioni nella rete impedendo il processo di connettività nella rete urbana la quale, invece, rende la città permeabile e funzionale, al pari di un organismo vivente. In questo senso un grattacielo è un pò come un tumore, cioè cellule impazzite che non rispondono più ai meccansimi fisiologici di controllo.

Il disegno all’inizio, inviatomi da un amico, sintetizza bene il concetto espresso: il grattacielo attira attività e consuma risorse ed inoltre distrugge la rete urbana.

Su Christopher Alexander rimando ad un prossimo post.



Alcuni link che sull'argomento:

http://lakis.typepad.com/city_of_the_future/2008/05/a-few-months-ag.html

http://lakis.typepad.com/city_of_the_future/2008/05/panel-discussio.html

http://zeta.math.utsa.edu/~yxk833/tallbuildings.html

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Pietro, ti seguo sempre anche se spesso non ho il tempo per scrivere commenti.

Nel post parli del libro di Alexander "A pattern Language", sai dirmi dove è possibile reperirlo oppure se esiste un edizione italiana?

Ah, complimenti per riuscire a portare avanti questo tuo progetto.

Pietro (siamo omonimi...)

Pietro Pagliardini - Architetto ha detto...

Purtroppo ne ho solo piccoli stralci di quel libro che credo non sia mai stato tradotto in italiano.
Intanto ti lascio il link ad un sito con i lavori di Alexander.
http://www.katarxis3.com/Gallery/nav.htm
Come vedrai, se già non lo conosci, è un approccio completamente diverso all'architettura, non facilissimo da comprendere. E' un'architettura senza tempo, ma il luogo c'è, che farà sorridere molti architetti ma che è decisamente intrigante.
Leggi su uno dei link del post (il primo credo) due dei 253 pattern e capirai che Alexander è, prima di tutto, un filosofo.
Ripensandoci può darsi che nelle biblioteche di facoltà di architettura questo libro si possa trovare. Ho visto cercando su google che è stato oggetto di qualche lezione.
Pietro

Pietro Pagliardini - Architetto ha detto...

x il mio omonimo
Ho trovato un riassunto (sempre in inglese) dei pattern.
Meglio di niente...
http://downlode.org/Etext/Patterns/
saluti

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione