Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


12 maggio 2008

UMBERTO ECO, CITYLIFE E IL VIAGRA

Pietro Pagliardini

A chi ha domandato ad Umberto Eco cosa pensasse del grattacielo storto di CityLife, questi ha risposto “Prenderà il Viagra” (Corriere della Sera).

Come interpretarla? Come una grassa battuta da bar? No, non è possibile, non risulta che Umberto Eco passi i suoi pomeriggi a giocare a briscola al dopolavoro degli intellettuali. E allora? Le parole di Umberto Eco vanno perse seriamente e interpretate:

Intanto c’è l’aspetto psicoanalitico perché ha riconosciuto nella tipologia grattacielo una forma fallica. E' sicuramente vero e quelli di Jean Nouvel e di Norman Foster lo dimostrano; infatti c’è questo noto disegno di Leon Krier in cui il grattacielo segue una sorte diversa e inversa da quella presupposta da Eco.


Ma nella frase “Milano è piena di gente che ha il membro storto: ce ne sarà uno in più che prenderà il viagra” si legge anche un giudizio da bio-antropologo: i milanesi hanno il membro storto, e questo è un vero scoop. Fino ad oggi sapevamo da Bossi l’esatto contrario. Necessita quindi dibattito e/o convegno ai massimi livelli.

Anche l’interpretazione politico-mediatica sembra abbastanza chiara: con membri storti è difficile penetrare.. nei problemi del paese e allora occorre il Viagra. Che il Viagra sia la metafora delle televisioni che raccolgono consenso e drogano il voto?

Poi c’è una forma di distacco culturale da questi argomenti urbanistico-architettonici, ritenuti evidentemente di secondo ordine: un grattacielo più, un grattacielo meno, anche se solo temporaneamente storto, conta poco.

Se io fossi Libeskind non mi sentirei molto lusingato da questi giudizi.

Se fossi un milanese sarei veramente incazzato.

3 commenti:

romacogitans ha detto...

Splendido questo tuo Blog... mi fa ricredere nel giudizio che ho sugli architetti, che in realtà è da sempre negativo solo nei confronti di un certo modo di fare architettura.

Ho immediatamente inserito il tuo link tra quelli del mio blog.

Alcuni anni fa ho assistito ad un convegno dove era presente il lussemburghese Krier e ne rimasi affascinato, anche per la battuta sul priapismo, che non si trattenne dal fare contro gli odiati grattacieli.

Pietro Pagliardini - Architetto ha detto...

Grazie.
Comunque quella dell'assessore è chiaramente una bufala. Però come consulente del sinadco..... mica male!

PEJA ha detto...

Veramente divertente, dovremmo farlo leggere al Maroni della situazione, per rimanere in tema di membri polentoni...

www.piliaemmanuele.wordpress.com

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione