Al momento della scelta dell'indirizzo di questo blog, dopo una serie di tentativi a vuoto alla ricerca di un nome semplice e pertinente, la sorpresa: "regola" era libero! L'architettura è oppressa da leggi e regolamenti, i termini più altisonanti della "creativa" cultura architettonica erano già occupati ma una parolina così semplice e antica e comprensibile da tutti, cioè "regola", era libera!
Questo blog parla appunto di "regole" contro la sregolatezza architettonica.


1 aprile 2008

MILANO EXPO 2015



E così a Milano si terrà l’Esposizione Universale del 2015. E’ certamente una bella notizia per l’immagine del nostro paese ma quale sarà l'immagine che verrà proposta? I grandi gruppi saranno giustamente in pool position per sviluppare il loro business e, naturalmente, gli architetti di grido, cioè quelli creativi, fantasiosi, poetici, tecnologici, informatici ma comunque sempre ecologici, saranno senz’altro i prescelti per rinnovare i fasti del made in Italy nel mondo.
Ma, polemica a parte, credo si impongano alcune riflessioni.
Il tema dell’Expo ho sentito essere “l’alimentazione”. Non è che ne sappia molto di più di quanto detto dai telegiornali, cioè poco, ma immagino che si tratti anche di veicolare nel mondo la qualità dei nostri prodotti e della nostra cucina. E’ fuori discussione che questo sia un settore economico importante che ha anche il pregio, contrariamente ad altri, di riuscire a valorizzare realtà produttive piccole e medie. Ma il successo dell’alimentazione italiana è intimamente legato al territorio di provenienza, ai luoghi dai cui essa ha origine. I nomi stessi dei prodotti portano in sé la toponomastica dei luoghi: lardo di Colonnata, prosciutto di Parma, pecorino romano, grana padano, ecc. ecc. spesso basta il nome del luogo o un aggettivo per individuare il prodotto: il parmigiano o il reggiano, il San Daniele, la fiorentina, il Chianti, ecc.
Tutti questi prodotti affondano le loro radici nei più disparati territori italiani, costituiscono parte integrante della cultura di quei luoghi, sono i frutti di lavoro umano maturato nel tempo, anche se reinterpretati alla luce delle moderne tecniche di lavorazione. Vengono presentati, quasi sempre, in confezioni che hanno un sapore antico e di fatto mano, per distinguerli nettamente dai normali prodotti industriali delle multinazionali dell’alimentazione.
Il mondo della cultura ufficiale esalta le differenze alimentari tra una località e l’altra, talvolta in maniera bucolica, quasi con un senso di rimpianto per il bel mondo che non c’è più; la cultura del cibo viene talora sventolata come bandiera della resistenza alla globalizzazione. Ad essa si associa anche una sorta di filosofia di vita, lo slow food, vicina al mondo ambientale che, giustamente, rivendica la ricchezza della diversità.
Del tutto opposto l’atteggiamento nei confronti dell’architettura la cui bandiera è invece l’omogeneizzazione completa, l’assenza di diversità, la mancanza assoluta di declinazione in chiave locale di elementi architettonici generali. Tanto si apprezzano i piaceri del palato con gusti diversi, nel campo del cibo, quanto si apprezza un tipo di architettura tutta uguale a sé stessa in ogni parte del mondo, a Dubai come a Londra e a Milano.
Eccoci tornati a Milano, appunto: già stamani alla radio l’onnipresente Fuksas ha pontificato sulle mirabolanti architetture che si andranno a costruire in occasione dell’Expo. Ha decantato il quartiere Santa Giulia, il grattacielo di almeno 200 metri, la fiera di Rho, un tocco di ambientalismo con parchi e laghetti (ma l’ambientalismo non dovrebbe apprezzare la diversità?) e la linea è dunque tracciata.
Quindi è chiaro che il made in Italy si presenterà, una volta di più, avvolto in una “confezione” di stile “internazionale”. In questa logica perversa mi domando: un grattacielo di 200 metri di altezza non entra neanche nelle graduatorie delle riviste tra quelli più alti del mondo; a Pechino ne sorgono così come i funghi: possiamo competere con i paesi emergenti in questo campo? Che ci sarà di straordinario, di italiano nel quartiere Santa Giulia e nel grattacielo? Pensano lor signori che milioni di turisti vengano in Italia per vedere le nostre “architetture moderne”? Pensano che i cento milioni di cinesi ricchi che desiderano fortemente visitare il Bel Paese lo facciano per Fuksas, Piano, eccetera? Pensano che a Roma andrebbero a visitare l’Ara Pacis per il contenitore e non per il contenuto?
Ma ormai il destino è segnato, è tutto scritto: l’Italia rinuncia al suo petrolio che è la ricchezza dei luoghi, naturali e artificiali, in nome di una modernità ideologicamente intesa.
A proposito di contraddizioni: perché tutti questi signori che guardano avanti diventano benpensanti quando si parla di ponte sullo stretto di Messina che almeno assolve ad una funzione importante? Mah, vallo a capire!
Pietro Pagliardini

2 commenti:

Elisa ha detto...

Segnalo la discussione "Milano Expo 2015: Cittadini condannati alla protesta o coinvolti nelle proposte?" ( http://www.partecipami.it/milanoexpo2015 ) avviata il 2 aprile nel "Forum permanente sulla città" di partecipaMi con questo post:
------------------------------------

Prima di Pasqua leggevo questo ( http://tinyurl.com/yt8mkf ) articolo del Corriere della Sera sull'Expo.
E condivido con l'autore che questo Expo porterà dei cambiamenti giganti nella città (a livello di strutture, a livello economico, a livello sociale, ecc). Ma Garzonio dice anche: "E v'è da creare una cultura dello sviluppo che, senza demonizzare mercato e produttività, metta al centro l' uomo e la vivibilità". E su questi temi si sono focalizzati numerosi commenti post "vittoria".

Viene da chiedermi: l'evento Expo non potrebbe essere un momento per ripensare la sostenibilità della città?
E ancora: dove, a che livello, e in che modo è sostenibile coinvolgere i cittadini nelle scelte di questo Expo? sostenibile per la città, per i cittadini, ma soprattutto per i suoi rappresentanti.

-- fiorella
------------------------------------

Pietro Pagliardini - Architetto ha detto...

Mi scuso per il ritardo con cui ringrazio Elisa per la segnalazione. Sono andato nel forum indicatomi ma, non conoscendo la realtà milanese, se non dai giornali e dalle foto, non mi azzardo a entrare nella discussione. Io mi sono limitato a considerazioni generali rispetto a ciò che vedo nelle foto e ho letto nei giornali e ciò che vedo sono grattacieli, a expo2015 e a CityLife e disegni che, per quanto indicativi, lasciano già intravedere che tipo di architettura verrà fuori.

Etichette

Alemanno Alexander Andrés Duany Angelo Crespi Anti-architettura antico appartenenza Ara Pacis Archistar Architettura sacra architettura vernacolare Archiwatch arezzo Asor Rosa Augé Aulenti Autosomiglianza Avanguardia Barocco Bauhaus Bauman Bellezza Benevolo Betksy Biennale Bilbao bio-architettura Bontempi Borromini Botta Brunelleschi Bruno Zevi Cacciari Calatrava Calthorpe Caniggia Carta di Atene Centro storico cervellati Cesare Brandi Christopher Alexander CIAM Cina Ciro Lomonte Città Città ideale città-giardino CityLife civitas concorsi concorsi architettura contemporaneità cultura del progetto cupola David Fisher densificazione Deridda Diamanti Disegno urbano Dubai E.M. Mazzola Eisenmann EUR Expo2015 falso storico Frattali Fuksas Galli della Loggia Gehry Genius Loci Gerusalemme Giovannoni globalizzazione grattacielo Gregotti Grifoni Gropius Guggenheim Hans Hollein Hassan Fathy Herzog Howard identità Il Covile Isozaki J.Jacobs Jean Nouvel Koolhaas L.B.Alberti L'Aquila La Cecla Langone Le Corbusier Leon krier Léon Krier leonardo Leonardo Ricci Les Halles levatrice Libeskind Los Maffei Mancuso Marco Romano Meier Milano Modernismo modernità moderno Movimento Moderno Muratore Muratori Musica MVRDV Natalini naturale New towns New Urbanism New York New York Times new-town Nikos Salìngaros Norman Foster Novoli Ouroussoff paesaggio Pagano Palladio Paolo Marconi PEEP periferie Petruccioli Piacentini Picasso Pincio Pittura Platone Popper Portoghesi Poundbury Prestinenza Puglisi Principe Carlo Purini Quinlan Terry Referendum Renzo Piano restauro Ricciotti riconoscibilità rinascimento risorse Robert Adam Rogers Ruskin S.Giedion Sagrada Familia Salingaros Salìngaros Salzano Sangallo Sant'Elia scienza Scruton Severino sgarbi sostenibilità sprawl Star system Stefano Boeri steil Strade Tagliaventi Tentori Terragni Tom Wolfe toscana Tradizione Umberto Eco università Valadier Valle Verdelli Vilma Torselli Viollet le Duc Vitruvio Wrigth Zaha Hadid zonizzazione